Estrattore di succo, ti aiutiamo a scegliere il miglior estrattore di succo!

estrattore di succo

 

L’ estrattore di succo, conosciuto in passato come spremiagrumi di succo a mano, oggi è uno degli elettrodomestici più ricercati all’interno della cucina. Esso è in grado di minimizzare i tempi di spremitura e garantisce un maggior benessere per la tua salute.

In questa guida verranno spiegate tutte le informazioni necessarie, partendo dal funzionamento estrattore di succo fino ad arrivare alla parte delle recensioni e opinioni dei vari consumatori che ne hanno già acquistato un modello da utilizzare a casa.

Questi elettrodomestici sono noti per la loro comodità nell’estrarre il succo sia della verdura che della frutta. Rispetto al vecchio spremitoio a mano, esso svolge il lavoro senza l’aiuto dell’uomo, in maniera tale che ti permette di svolgere più attività all’interno della cucina.

Come è facile intuire, grazie ad un buon estrattore di succo è possibile preparare delle bevande salutari e ricche di proteine, da introdurre nella propria alimentazione quotidiana.

Al giorno d’oggi la vera difficoltà del compratore è la scelta. Questo perché sul mercato si trovano una miriade di estrattori di succo a freddo. Ecco il motivo per cui è stato realizzato questo sito estrattoredisucco.biz, il portale numero 1 per rispondere ad ogni tuo dubbio sui vari estrattori di succo!

Migliore Estrattore di Succo

L’estrattore di succo a freddo è un elettrodomestico da cucina economico rispetto a tanti altri elettrodomestici che si trovano comunemente in una cucina. Sebbene il prezzo di acquisto di solito non sia elevato, questo non significa che la scelta sia semplice. Sicuramente lo può diventare, ma bisogna ricevere le informazioni corrette per poter scegliere il migliore estrattore di succo.

Per questo motivo si è deciso di segnalare quali sono i fattori da considerare nella fase di valutazione dei diversi modelli in commercio, prima di giungere alla scelta ottimale. Ecco quindi quali sono le caratteristiche principali che dovresti tenere a mente:

  1. Qualità delle plastiche: si dovrebbe valuare la qualità delle plastiche e capire se queste sono in tritan o ultem.
  2. Rumorosità e qualità del motore: si dovrebbe valutare qual è l’entità del rumore quando l’elettrodomestico è in funzione, sia a bassi che ad alti giri.
  3. Potenza/Consumo energetico: un altro elemento da valutare è il rapporto potenza/consumo, il quale indica il valore di efficienza dell’elettrodomestico, da considerare in base ai propri bisogni.
  4. Velocità di rotazione: la velocità di rotazione non può non essere considerata. Si consiglia dagli 80 RPM in giù, perché più è basso il numero di giri meno calore viene generato, di conseguenza vengono mantenute inalterate le proprietà benefiche della frutta e verdura.
  5. Manutenzione: indica la facilità di pulizia dopo aver utilizzato il proprio estrattore di succo e la facilità nel rimontare il modello.
  6. Capacità estrattiva: indica la quantità e la qualità dell’estratto ottenuto.
  7. Prezzo: anche il costo del prodotto è un elemento da valutare, considerando in particolare il rapporto qualità – prezzo.
  8. Assistenza: non è un elemento proprio dell’estrattore, ma è da valutare lo stesso. Indica l’assistenza offerta ai clienti nel caso qualche problema dovesse essere riscontrato prima o durante l’utilizzo dell’estrattore. E’ importante la presenza di questo fattore, poiché è l’unica soluzione per un guasto tecnico, a meno che non si voglia far riparare l’elettrodomestico a proprie spese.

Si segnalano ora alcuni dei migliori estrattori di succo che si possono trovare in vendita su Amazon.it e che sono stati già acquistati da un gran numero di clienti. Per i modelli principali, il lettore potrà trovare anche delle recensioni complete su questo sito.

Estrattore di succo: come funziona?

Vediamo ora il funzionamento dell’estrattore di succo per vedere poi quali sono i vari elementi che compongono l’estrattore nel dettaglio, in modo tale che anche tu sarai in grado di dare dei consigli ai tuoi amici o parenti se dovessero voler acquistare un estrattore.

Iniziamo con il vedere come funziona l’estrattore di succo. Una volta inserita la frutta o la verdura, tagliata a pezzettini, all’interno della bocchetta, il motore AC (44-80 giri/min, è questo il miglior rendimento) metterà in azione la coclea.

La coclea, tramite la sua forma a spirale, ha la funzione di pressare i vari composti e di spremere gli stessi. Una volta pressati e spremuti, l’estratto di succo passerà attraverso dei filtri, ai quali è affidato il compito di bloccare i residui di polpa in base alla grandezza delle maglie e di lasciare passare solo il succo filtrato.

Nessun residuo dell’estratto rimarrà sulla parete della base, grazie al pettine in grado di raccoglierli. Infine, l’estratto di succo e il succo liquido vengono posti in due contenitori separati.

Abbiamo visto in linea generale come funziona questo elettrodomestico. E’ bene ora precisare che l’estrattore di succo è composto da alcuni elementi essenziali, come:

  • Bocca
  • Coclea
  • Motore AC
  • Filtri a maglia fine e larga

Non resta che vedere in maggior dettaglio i singoli elementi che compongono questo elettrodomestico.

Che cos’è la coclea?

La coclea è un elemento fondamentale dell’estrattore di succo, ha una forma a spirale in grado di pressare e spremere la frutta e la verdura. Di solito viene costruita in Tritan o Ultem.

In commercio si possono trovare tre tipi differenti di coclee:

  • Singola orizzontale
  • Singola verticale
  • A doppio albero orizzontale

La coclea singola orizzontale viene montata negli estrattori più professionali, che hanno quindi un costo solitamente maggiore. Di solito vengono utilizzati per estrarre del succo da verdure a foglia o frutta di piccole dimensioni, come ribes e frutti di bosco. Inoltre, l’utilizzo di coclee singole orizzontale unite ai filtri, consente di estrarre il succo anche da frutta morbida.

La coclea singola verticale è la più utilizzata in cucina perché risulta meno ingombrante, più comoda rispetto a quella orizzontale e dispone di un design contemporaneo. Inoltre, il compito delle coclee verticali a doppia lama è di pressare l’alimento verso il basso, in modo tale da agevolare l’estrazione e affinare la resa.

Infine bisogna parlare della coclea a doppio albero orizzontale, la quale è la più performante riguardo alla resa, ma ha un elevato costo dovuto al fatto che viene costruita in acciaio inox chirurgico e può essere impiegata nella produzione di burro e pasta fresca.

Motore

Un altro elemento importante dell’estrattore di succo è il motore. In commercio si possono trovare due tipi di motore: il motore ad induzione AC e il motore a spazzola DC.

Questi due tipi di motore per estrattore di succo si differenziano per la velocità e il riscaldamento. Solitamente tra i più comuni e migliori estrattori viene utilizzato il motore AC, perché raggiunge tra i 40-80 giri/min ottenendo un ottimo rendimento.

In molti pensano che i 40 giri/min siano più efficaci rispetto agli 80 giri/min, perché la coclea causa un minor riscaldamento e assimila meno ossigeno, ma in realtà non è cosi. Quello che accade è invece l’opposto, perché ruotando a rilento il succo resta a contatto con l’ossigeno per più tempo ed il rischio che si corre è di andare incontro all’ossidazione.

Un altro elemento che bisogna considerare – e che può sfatare il mito dei 40 giri al minuto – è che gli elementi nutritivi della frutta e della verdura, cioè gli enzimi e le proprietà nutritive che si trovano in questi alimenti, si alterano intorno ai 50 gradi. Gli estrattori di succo non raggiungono questa temperatura, dunque non c’è da temere che le proprietà nutritive possano risultare alterate.

Partendo dal presupposto che nessun estrattore raggiunge la temperatura limite, c’è da dire anche che il numero di giri non è l’unico elemento che impatta sulla temperatura finale. Ciò è dimostrato dal fatto che alcuni modelli che vanno a 40 giri al minuto raggiungono delle temperature finali superiori rispetto a modelli che offrono 80 giri al minuto.

Per quanto riguarda i motori a spazzola DC, c’è da segnalare che questi possono presentare delle problematiche sia nell’assemblamento sia nel funzionamento. Queste problematiche sono dovute proprio alla presenza delle spazzole, le quali permettono al motore di roteare, si surriscaldano per via della forza di attrito e si consumano prima, con la possibilità di provocare un surriscaldamento del succo estratto.

Il nostro suggerimento è di optare per un estrattore di succo vivo, il quale lavora con un basso numero di giri e solitamente non va oltre gli 80-100 giri/min. Per quanto riguarda il motore, ci sono ottimi modelli con entrambe le tipologie che abbiamo descritto.

Filtri

I filtri di un estrattore di succo possono variare in base a due fattori principali: il materiale e le maglie. Per quanto riguarda il primo fattore, esistono i filtri classici in plastica ed i filtri in Ultem o in Tritan, più resistenti rispetto ai tradizionali.

Di solito i filtri classici sono quelli più utilizzati, perché oltre ad essere molto più economici consentono un succo di migliore qualità, il problema è che tendono a rompersi con maggiore facilità.

Il secondo fattore indica la grandezza delle maglie ed in base a questa possiamo parlare di:

  • filtro a maglie larghe: la progettazione di un filtro a maglie larghe è stata ideata per estrarre un succo vellutato e ricco di fibre solubili e insolubili con una consistenza densa e corposa. Inoltre non è presente il foro per la fuoriuscita del residuo secco. Può essere utilizzato per fare la passata di pomodoro o le salse fredde.
  • filtro a maglie sottile: la progettazione di un filtro a maglie sottile è stato ideata per estrarre un succo vellutato e ricco di gusto, con la maggior parte delle fibre solubili. Inoltre è caratterizzato dalla presenza di un foro per la fuoriuscita del residuo secco. Quest’ultimo può essere utilizzato per molte ricette, sia salate che dolci.

La scelta di utilizzare un filtro piuttosto che un altro dipende dalle necessità personali e da cosa si vuole fare con il proprio estrattore di succo.

Differenza tra estrattore e centrifuga

In molti si domandano se acquistare un estrattore di succo a freddo o una centrifuga, perché essendo simili è difficile riconoscere le varie differenze.

Qui sotto troverai una tabella con le differenze principali di questi due elettrodomestici. Vediamo insieme cosa bisogna conoscere per avere in mente la differenza tra estrattore e centrifuga:

 ESTRATTORE DI SUCCOCENTRIFUGA
POTENZA:200-400 W1000 W
VELOCITA' DI ROTAZIONE:40-100 giri/min6000-18000 giri/min
CAPACITA' ESTRATTIVA:+20%+10%
SAPORE:
Corposo e densoFluido- divisione tra stato solido e liquido
FIBRE:Conserva le fibreDistrugge le fibre
CIBI LAVORABILI:Alimenti e pezzettiVerdura e frutta anche interi
MANUTENZIONE:Facilità nel lavaggio e puliziaRichiede molto tempo
RUMORESilenziosoRumoroso
PREZZO:100-400 €30-160 €

Prezzi Estrattore di Succo

L’estrattore di succo è un elettrodomestico che si trova sul mercato da tanto tempo. Inoltre, grazie alla possibilità di confrontare i prezzi online e di effettuare l’acquisto in rete, è diventato un elettrodomestico virale e scelto all’interno di molte cucine.

Nonostante ciò, i prezzi estrattore di succo sono molto variabili. In commercio si trovano sia dei modelli economici, sia dei modelli dal costo più elevato. Il costo dipende principalmente dalla tipologia di modello che si va a scegliere.

Di solito, il prezzo di un estrattore di succo a freddo si aggira tra i 150 e i 200 euro per un modello con poche funzionalità, fino ad arrivare anche a modelli che hanno un prezzo di circa 400 euro.

Come detto, dipende dal modello che si sceglie e dalle funzionalità di cui questo dispone. Un suggerimento che ti possiamo dare è di scegliere il tuo estrattore di succo in base alle tue necessità, senza dover ricorrere per forza a quello che costa di più, solo perchè ha un design più accattivante ed una potenza maggiore.

Valutare il rapporto qualità – prezzo è un ottimo consiglio, in particolare se questa valutazione viene affiancata alla valutazione delle proprie necessità personali.

Migliori Marche Estrattore di Succo

Le migliori marche di estrattori di succo che abbiamo selezionato:

Ricettario Estrattore di Succo

Scopri la nostra sezione dedicata alle ricette da realizzare con l’estrattore di succo divise per stagione che ti consentiranno di imparare a sfruttare tutte le proprietà di frutta e verdura. 

Ricette Estrattore di Succo

Per concludere

Prima di procedere all’acquisto del tuo nuovo estrattore di succo, è utile controllare alcune caratteristiche fondamentali. Per quanto riguarda il numero di giri, abbiamo parlato della differenza tra i 40 e gli 80 giri al minuto, dicendo che non è vero che meno giri al minuto significa sempre qualità migliore del succo estratto.

Per quanto riguarda invece la potenza del motore, il consiglio è di acquistare un modello di estrattore che abbia un motore con potenza intorno ai 400 watt.

Questi sono solo alcuni consigli per orientarsi in fase di acquisto. Ti invitiamo a leggere le recensioni complete sui singoli modelli che abbiamo pubblicato su questo sito web.

Pin It on Pinterest